Care lettrici e lettori fedeli, il conteggio di Net-parade,ogni mese, parte da zero. E' mia intenzione posizionare il mio BLOG nel punto più alto possibile delle classifiche. Per farlo ho bisogno del vostro aiuto. Cliccate sul banner qui sopra. Non occorrono dati personali, basta cliccare su "sì, confermo il voto"...SI PUO' FARE OGNI ORA! GRAZIE!

domenica 29 settembre 2019

29/09/2019... Domenica pomeriggio... L'Africa dal finestrino...

#framevoicereport
#ilfemminilediuguale

Buon pomeriggio...


Abbiamo percorso centinaia di chilometri su un treno carico di respiri ispirati da un paesaggio che non si può descrivere a parole...
Il viaggio su strada ferrata da Nairobi a Mombasa è qualcosa di straordinario...in sei ore di viaggio ti passa davanti un mondo incredibile che noi occidentali abbiamo conosciuto solo in televisione...
Quei finestrini del treno si trasformano in un istante, e in ogni momento, come quadri viventi pieni di suggestioni...gazzelle impigrite dall’assenza (almeno apparente) di pericolo, giraffe protese a guardare oltre il confine del loro mondo...gnu placidi e svogliati...babbuini accattoni sul bordo della strada...in attesa di un regalo da parete di qualche camionista meno frettoloso... Struzzi che, fortunatamente, non hanno nascosto il loro muso nella buca del terreno...
La savana ci ha accompagnati per tutte le sei ore di viaggio...con i suoi baobab, le sue palme... A ogni  chilometro ci ha regalato qualcosa di bello e irripetibile...


Stavi lì, con lo smartphone...pronto a immortalare quel miracolo della nostra terra...ma...nulla...
...un miracolo, per essere tale, non si deve fotografare...
Un’immagine sfuocata, un animale troppo lontano per diventare vero...


...alla fine è meglio preservare il ricordo di quel viaggio al centro di una terra che sa di polvere e colora di rosso...
... Non sarei più sceso da quel treno (eppure, in Italia, odio i treni e non ci salgo sopra neppure sotto minaccia)...
...impossibile esaudire il mio desiderio...
...le cose belle, prima o poi, finiscono...ma quelle meravigliose traggono linfa vitale dalle tue emozioni...
...vissute con profondo rispetto per quell’angolo di terra che rischiamo di far naufragare in un mare di indifferenza...
...perché non si può essere tutti più consapevoli della ricchezza globale che possediamo?


...Perché non ci comportiamo da padri con la nostra madre?
Attendo risposte
sapendo che certe domande
Rimbalzano a vuoto
Nel vuoto di certe coscienze
Di quelle potenze del mondo
Che i sogni non vivono
...o calano a fondo...


Buona giornata...













venerdì 27 settembre 2019

27/09/2019... Venerdì mattina... Equality...ovvero...la parità di genere...

Buon giorno...

#framevoicereport
#ilfemminilediuguale

Equality... 

Fotografia di Enrico Minasso 

La parità di genere come energia vitale di una società che fatica a migliorare...
"Il femminile di uguale" è un titolo di un progetto, secondo me bellissimo come bellissimo è il suo titolo, che si propone di affrontare lo studio “sul campo” della situazione della donna in una scalata sempre difficile e lunga verso una parità, sacrosanta, nei confronti dell’uomo...

Fotografia di Enrico Minasso 

Esistono ancora troppe barriere culturali, sociali (che poi, spesso, sono strettamente connesse) e geografiche che rendono davvero faticoso il cammino della donna verso quella libertà di pensiero, e di azione che ogni essere vivente, a qualsiasi latitudine e longitudine, DEVE avere...
Ovviamente vi sto parlando (anzi scrivendo) di cose che conoscete molto bene...
Pensate agli innumerevoli casi di femminicidio che ogni anno sconvolgono le pagine dei nostri giornali e scuotono le nostre coscienze di gente, sì per bene, ma impotente...
Pensate a quei lavori prettamente maschili (secondo un costume che stenta a morire), come il pilota d’aerei, il direttore d’orchestra e tanti altri che vedono quasi assenti le donne...
Per parlare della situazione africana (ovviamente è così anche in tante altre parti del mondo...ma io, ora, conosco meglio quella), lo sapete che se c’è un incontro tra uomini e donne (in questi giorni di Nairobi sono testimone consapevole ogni giorno), i primi si siedono mentre le signore stanno in piedi? E non provate a lasciare il vostro posto a una di loro (come siamo abituati a fare in Italia)! Le stesse rifiutano e ribadiscono che fa parte del loro essere donna... Qualora, una volta seduti tutti gli uomini, avanzi ancora qualche posto, allora potranno sedersi anche loro...forse...
Ho vissuto questa situazione (per me) imbarazzante a ogni riunione con la preside della scuola africana di turno...ecco...quello, in Africa, è un lavoro essenzialmente da donne...
Vogliamo poi parlare dell’orribile pratica della mutilazione genitale praticata ancora con costante crudeltà su centinaia...direi migliaia...di ragazzine?
Perché mai l’essere umano dovrebbe arrogarsi il diritto di decidere sulla libertà (e felicità) sessuale delle donne?
Ecco...il nostro progetto “Il femminile di uguale”, sviluppato nell’ambito del bando intitolato “Frame Voice Report”, promosso dall’Unione Europea e dalla Regione Piemonte, si pone come obiettivo quello di raccontare le storie di successo di alcune donne, italiane (piemontesi) e africane che ce l’hanno fatta o ce la stanno mettendo tutta per riuscirci...
Donne di un Piemonte rurale che sono diventate infermiere nonostante il parere contrario di un padre padrone (si parla, ovviamente, di un po’ di anni fa ma può ancora capitare di inciampare in storie simili anche oggi), immigrate africane che sono arrivate in Italia, in Piemonte e, grazie ai centri di volontariato che funzionano, sono riuscite a togliersi da quel limbo di disperata stasi riuscendo ad affermarsi in campo sanitario, scolastico, artistico, umanitario...

Fotografia di Enrico Minasso 

Allo stesso tempo siamo volati in Africa alla ricerca di quelle donne che ce l’hanno fatta senza rinunciare alla loro terra...donne che non sono certo partite in pole position, in una corsa di rinascita e rivincita tutta al femminile... Donne che vivono negli Slum di Nairobi e lì lavorano...insegnando ai bambini a volare...donne che sono diventate infermiere negli ospedali fondati molto spesso da noi italiani (uno di questi è il “nostro” Ruaraka Uhai Neema Hospital, inaugurato più di dieci anni fa dal grandissimo medico acquese  Gianfranco Morino, da più di trent’anni trapiantato in quella povera città...da più di trent’anni, quindi, impegnato a trasferire il suo sapere e la sua umanità a uomini e donne, tante, che diventano parte integrante e integrata di un sistema sanitario perfetto che, in autonomia, si dedica alla cura delle persone più povere...

Fotografia di Enrico Minasso 

Tutte queste storie diventeranno un grande racconto collettivo...un canto corale (sì...ci sarà anche la Musica e la danza) di quelle donne eroine e vincenti che diventeranno il motore di una marcia inarrestabile delle donne di tutto il mondo che le porterà a raggiungere (si spera presto) la meta finale del loro, del nostro, obiettivo...
Il femminile di uguale non esiste (come si può trasformare un aggettivo neutro e invariabile colorandolo di rosa?)...ma noi che ci stiamo impegnando a raccontare quelle vite così diverse e così lontane, pur nella loro vicinanza emotiva, siamo disposti a forzare la grammatica, a compiere un errore, per cancellarne altri molto più gravi, umani e disumani, che hanno tolto il sorriso a generazioni di donne meravigliose.

Fotografia di Enrico Minasso 
Per vedere il reportage fotografico di Enrico Minasso clicca su questo LINK: http://www.enricominasso.com/

Buona giornata...



mercoledì 25 settembre 2019

25/09/2019... Mercoledì mattina... GOAL


Buon giorno...

#framevoicereport
#ilfemminilediuguale

Goal...



In mezzo alla savana...in un villaggio masai non lontanissimo da Ngong (a gennaio ne raggiungemmo uno ben più lontano), il suono di un vento freddo e intrigante viene interrotto da una parola ‘amica’... GOAL... fa specie sentire quel suono dove le tracce del mondo occidentale si perdono in quei sentieri rossi e polverosi...



Guardando meglio, oltre le pareti posticce di una scuola comunque affollata, ecco un ‘campo da calcio’...con tanto di porte e pallone...
GOAL!



La palla entra in rete...i ragazzi esultano...come fanno i nostri ragazzi...come fanno nei ‘veri’ stadi...



Cosa cambia, alle diverse latitudini?
Nulla e tutto...rimane quel sano divertimento di prendere a calci la palla con una tecnica invidiabile...
Già...la palla...è tanto diversa anche se è comunque tonda...metafora del mondo...che gira...gira...ma dove va?!



Buona giornata 

martedì 24 settembre 2019

24/09/2019... Martedì mattina... La scuola non DEVE mai fare male!

Buon giorno...

#framevoicereport

#ilfemminilediuguale


A Nairobi siamo venuti, io, il giornalista Maurizio Paganelli, il fotografo Enrico Minasso e il videomaker Francesco Morino, per realizzare un progetto molto importante intitolato "Il femminile di uguale", cofinanziato dall'Unione Europea e dalla Regione Piemonte e implementato in Italia dal partner Consorzio Ong World Friends insieme alla Onlus Crescereinsieme...
L'idea è quella di approfondire con interviste, progetti musicali e fotografici il tema della Parità/Disparità di genere all'interno della nostra società. L'obiettivo comune di tutti i partner del progetto è quello di rimuovere tutti gli ostacoli che rendono impossibile la vita alle donne italiane e keniote...
Intorno a questa idea gira un mondo di volontariato che va ben oltre questo aspetto importantissimo della vita... C'è l'aiuto costante che organizzazioni come World Friends offrono senza secondi fini ai bambini, alle donne e agli uomini di Nairobi e del Kenia (ma non solo in questa parte dell'Africa), paese che racchiude in sé una miriade di contraddizioni, talmente grandi da far pensare, a noi che ci veniamo ogni tanto, di essere finiti in un inferno terreno e inspiegabile...


Personalmente io avverto la mia acclarata impotenza di fronte a problemi così enormi... Davanti alle Slum, costituite da migliaia di baracche di lamiera, senza luce, acqua e altri beni di prima necessità, io mi sento come un uomo che cerca di svuotare l'oceano con una tazzina da caffè...
Sensazione che ho provato ieri quando nella base di World Friends siamo stati raggiunti dalla terribile notizia che una scuola della città, sulla strada che noi percorriamo per andare in missione nella terra Masai a Ngong, è crollata uccidendo almeno sette bambini... I numeri qui sono un'opinione...i giornali riportano la frase "sono morti almeno sette bambini" ma, di fatto - sino a ieri sera -, c'erano ancora parecchie anime da tirar fuori da quell'inferno di lamiere...
Io che in quelle scuole ci sto, e ci sono stato tanto anche nel precedente viaggio, non trovo risposte alle mie domande...


Perché una scuola deve crollare? Perché la scuola, che dovrebbe essere la zattera di salvataggio in una vita altrimenti perduta, ti fa affogare in un mare di lamiere roventi?


Come fa una scuola fatta di cartone uccidere tanti bambini? Strutture posticce, così inconsistenti da dare l'impressione di crollare da un momento all'altro (infatti è successo), non sembrano far paura perché ricordano le capanne che mi costruivo, per gioco, da bambino...


Ma qui nulla è gioco...qui tutto è dramma...ecco perché il nostro progetto #ilfemminilediuguale, nell'ambito del bando europeo #framevoicereport, diventa ancora più importante...
Allora avanti...a svuotare quel mare fatto di niente per cercare di riempirlo di  cose belle...


Al mio ritorno, spero che la Musica che suonerò con le mie allieve e i miei allievi (a completamento del progetto bilaterale Italia-Kenia) sappia trasmettere quella voglia di svuotare il mare della povertà che sta invadendo gran parte del nostro mondo... Lasciatemelo credere...


Buona giornata...

lunedì 23 settembre 2019

23/09/2019...Lunedì mattina... Di nuovo a Nairobi...

Buon giorno...

#framevoicereport

#ilfemminilediuguale


Quella sera, il 21 gennaio di quest’anno, dando l’arrivederci a quell’Africa nera e vera, sapevo che sarei tornato in quei luoghi...
Sapete come si dice, no? Vivendo qualche tempo in quei posti così diversi e lontani (ma poi...sono lontani perché così diversi o sono diversi perché così lontani?) ti viene il "mal d’Africa"...quella sorta di malinconia che i brasiliani definirebbero con quella bellissima parola che è ‘saudade’...è lo stesso ‘male’ che ti viene quando vivi il mare e da esso ti allontani...io l’ho provato all’inizio degli anni novanta, dopo aver navigato per qualche mese come pianista sull’oceano...
Stavo dicendo...anzi...scrivendo...(mi sono perso nei meandri dei ricordi)...
Quella sera, il 21 gennaio di quest’anno, dando l’arrivederci a quell’Africa nera e vera, sapevo che sarei tornato in quei luoghi...ma non così presto... invece, poco dopo la fine del viaggio, ancora carico di profonde emozioni, mi sono buttato, insieme a molti amici, alle onlus Worldfriends (per la quale ero già stato in missione a gennaio), Crescereinsieme  e alla mia scuola, in un progetto importante e ambizioso che ha passato positivamente il vaglio della comunità europea, aggiudicandoci un bando intitolato #framevoicereport di cui vi parlerò nei prossimi giorni...
Eccomi, quindi, di nuovo qui...a Nairobi...in quella città carica di contraddizioni, di odori, buoni e cattivi, di colori, di valori...di valori e disvalori... eccomi di nuovo in Africa, per trovare suoni...note che nascono dal cuore di queste persone...dal polmone (ferito) di questa terra...per farle mie e portarle alle mie ragazze e ai miei ragazzi italiane/i affinché loro, così diverse/i...così lontane/i (ma poi...sono lontane/i perché così diverse/i o sono diverse/i perché così lontane/i?) aggiungano le loro emozioni a quelle delle loro coetanee e dei loro coetanei...per creare quell’armonia che manca al nostro mondo, nel suo insieme...
Sì...non credevo davvero che sarei stato di nuovo qui...dopo così poco tempo... quanto sono arrivato, domenica, ho subito avuto la sensazione di non essermene mai andato...eppure, in questi otto mesi, la mia vita non è stata ferma... Per prima cosa c'è stata la morte di mio padre...quando sono partito la scorsa volta era ancora con me... In questi mesi, poi, ho tenuto concerti, realizzato spettacoli...abbiamo sostenuto, io e i miei studenti, il primo esame di stato al liceo musicale...sono stato in parecchie città, non solo in Italia...
...Eppure 
... eppure mi sembra di essere sempre stato qui... riconosco le strade, la gente... quei bambini, che ho visitato a gennaio, non hanno ancora terminato il loro anno scolastico (allora appena iniziato)...
Qui, a Nairobi, sta finendo l’inverno...ma non lo avverti...perché in questo luogo, subito sotto l’equatore, le stagioni non esistono...il sole emette una luce strana e la luna è capovolta...
Nulla cambia, qui a Nairobi...neppure gli odori, gli ardori...neppure i colori e i calori...neppure la disperazione e l’indigenza della grande maggioranza dei suoi abitanti, indigenza che non teme confronti...con nessuna altra parte del mondo...
Cercherò di raccontare tutto questo nelle mie note e di portarle a casa a tutte/i coloro che avranno voglia di suonarle e di ascoltarle...
Del progetto #framevoicereport, che coinvolgerà, anima e corpo, gli studenti del Liceo Musicale "Saluzzo Plana" di Alessandria, vi parlerò più avanti...
Se volete incominciare ad avere un assaggio di quello che stiamo vivendo vi consiglio di visitare il Blog del Fotografo Enrico Minasso (http://www.enricominasso.com/) che racconta per immagini bellissime il nostro viaggio, o leggere l'articolo di Maurizio Paganelli, giornalista di Repubblica che con noi condivide esperienza ed emozioni (www.repubblica.it)...
Maurizio Paganelli verrà a fine ottobre nel nostro liceo musicale e coreutico a seguire il nostro lavoro, lo stesso che a migliaia di chilometri stiamo realizzando con le ragazze e i ragazzi della scuola di Musica di Baba Dogo...a Nairobi...
Troverete tutti i contributi fotografici, video e musicali sul sito #ilfemminilediuguale (così s'intitola il nostro progetto)...questo è il sito: www.ilfemminilediuguale.it. Al momento è un contenitore vuoto...presto sarà ricco di storie che non vi lasceranno indifferenti...


Buona giornata 





giovedì 1 agosto 2019

01/08/2019... Ora sì...è davvero il tempo di DOLCISSIME

Buon pomeriggio...




Il giorno è davvero arrivato...da questa sera il film DOLCISSIME, di Francesco Ghiaccio, sarà proiettato contemporaneamente in 244 cinema italiani... Per darvi l'idea dell'importanza dell'evento, vi faccio presente che il precedente lavoro del grandissimo amico e regista casalese (ma anche torinese...pugliese...e del resto del mondo), UN POSTO SICURO, era stato distribuito, nel periodo di massima diffusione (inizio dicembre 2015) in 38 sale... Allora non c'era certo VISION DISTRIBUTION a tessere la tela della ramificazione distributiva...
Ora, con una cordata inossidabile come quella che lega INDIANA PRODUCTION, LA PICCOLA SOCIETA' e VISION DISTRIBUTION (ma potrei/dovrei aggiungere anche la FILM COMMISSION PIEMONTE e SKY) i risultati sono questi...un enorme lavoro mediatico e distributivo che un film importante come DOLCISSIME si merita.
Quindi da questa sera, tutti al cinema...tutti a vedere un bellissimo film, in bilico tra la commedia e il cinema impegnato...un film decisamente POP, dai colori accesi e pieno di Musica...tanta...ovunque...
Ecco il PLANNING della distribuzione dei prossimi giorni... Ai miei conterranei suggerisco di guardare l'elenco alla lettera T di Torino (lì sono indicate anche alcune sale della provincia di Alessandria). Vi posso dire che fin da questa sera si potrà vedere presso la multisala di Tortona, Cinelandia di Casale Monferrato, l'UCI Cinema di Spinetta Marengo. Nei prossimi giorni sarà in programmazione anche ad Acqui Terme...


 



Inutile dire che sono orgogliosissimo di essere stato autore di questa colonna sonora... Ringrazio di cuore Francesco Ghiaccio per la grande opportunità...
Ma torniamo indietro nel tempo...era la primavera del 2015, io e Francesco eravamo a Roma...eravamo alle prese con il mix di "Un posto sicuro"... Alla fine di un giorno intenso di lavoro io e Francesco ci siamo trovati per le strade di Roma...ricordo ancora quel momento come fosse oggi... Nonostante fosse preso totalmente dagli ultimi importanti lavori sul suono di "Un posto sicuro", Francesco ha incominciato a parlarmi del nuovo progetto... Si trattava di un film che nasceva, come idea,  prima del film sull'Eternit di Casale Monferrato Fu accantonato, in fase di scrittura, proprio per dare spazio all'opera prima del nostro grande regista...
Ai tempi non c'era ancora il titolo...si parlava di un ipotetico "Sirene"... Francesco era a conoscenza dell'interesse da parte della casa di produzione a realizzare quel nuovo progetto... Tuttavia, presi come eravamo dalle fasi finali della lavorazione di "Un posto sicuro", non ci siamo soffermati troppo sul futuro non immediato...
Tanto tempo dopo (passata l'euforia della prima del film, il successo dello stesso in tutti i cineforum d'Italia, smaltita l'ebrezza del primo posto in classifica della colonna sonora su AMAZON), ecco tornare quell'idea acquatica in via di sviluppo... quell'idea sarebbe diventata DOLCISSIME... Insieme all'idea, e alla stesura definitiva della sceneggiatura (realizzata con il grandissimo amico e attore Marco D'Amore), ecco la proposta di Francesco, una proposta che ti mette le ali ai piedi, al cuore e alle idee. Ancora una volta ero stato scelto da Francesco Ghiaccio per realizzare la colonna sonora del suo nuovo film (di questo sarò sempre grato a lui e a Marco). Questa volta non ci sarebbe stata poca Musica...era un film immerso nell'acqua e nei suoni... Sapevo che sarebbe stata un'impresa difficile e allo stesso tempo meravigliosa... Da quel momento, e sino a un mese fa, ho vissuto con DOLCISSIME e per DOLCISSIME... La mia vita, compresa tra il mese di gennaio 2018 e giugno 2019 è stata costellata di note, scritte, riscritte, ripensate, modificate, migliorate, cesellate... La colonna sonora di DOLCISSIME è diventata la colonna sonora della mia vita... I primi temi, scritti a inizio 2018 (allora eravamo ben lontani dalle riprese che sarebbero iniziate a luglio di quell'anno), si sono persi nel corso dell'evoluzione del pensiero filmico e musicale... Ricordo ancora quella mattina di gennaio, nella presidenza del Liceo Musicale dell'Istituto "Saluzzo - Plana" di Alessandria, io e Francesco concentrati ad ascoltare i primi temi scritti da me qualche giorno prima... "Questo andrebbe benissimo per la scena in cui la classe viene sommersa dalle acque"... "Questa invece può essere adatta per il rapporto madre-figlia"... Nulla...le idee si sono succedute così rapidamente da cancellare ogni tentativo "primitivo" di scrittura (peraltro anche la scena della classe sommersa è stata cancellata dal progetto originale)... Di quei temi rimane solamente qualche traccia  nel brano "L'amore", Musica che arriva quasi alla fine del film, prima della svolta narrativa...

















I mesi sono passati veloci... Prima dell'estate 2018 è nato il tema che, successivamente, avrebbe suonato e cantato,  in presa diretta, Letizia (una delle ragazze protagonista, la neo attrice Giulia Fiorellino)...
Da lì tutto è volato... Le prove con Giulia...le riprese notturne...le Musiche...
Non è stato facile... Le idee musicali si sono articolate nel corso della mia vita, tra le lezioni al liceo, i viaggi, i concerti...i fatti personali...
La colonna sonora di DOLCISSIME racconta tanto di me nonostante il mio stile compositivo si sia a tratti discostato dal mio linguaggio consueto sconfinando nell'elettronica e in altri generi non sempre indagati dalla mia scrittura abituale...
Questa Musica mi ha accompagnato ovunque... Vi basti sapere che la parte finale di "Incubo" è stata scritta a Nairobi, nelle ore notturne di pausa durante la mia missione dello scorso gennaio 2019... "Rock and Girls" è nato interamente nei camerini di Avezzano, in Abruzzo, durante le prove del Musical che stavamo mettendo in scena in quei giorni... I prodromi di "I Love You Blues" sono nati a Roma nello scorso mese di maggio, nei giorni in cui continuavo a chiedere ai miei allievi del liceo musicale (in tour con me) di registrare voci di commento per il brano...
"Letizia e la sua voce", "Messaggi" e "Canto notturno" sono stati perfezionati con Francesco il 4 marzo 2019... 
Erano gli ultimi giorni di vita di mio padre...io vivevo costantemente da lui...ho chiesto a Francesco di venire a casa di mio padre per poter ultimare il lavoro... Era urgente finire ma io non potevo muovermi... Francesco è arrivato al mattino, con una borsa piena di clementine, ha salutato mio padre... Dopo un buon caffè ci siamo messi in sala a lavorare ai nostri brani... Abbiamo fatto una pausa pranzo con mio padre...era stanco...allo stremo... Con i suoi soliti modi gentili si è scusato con Francesco per non essere stato di grande compagnia... Si conoscevano bene Francesco e mio padre, come si conoscono gli amici... E' stato un bel pranzo...l'ultimo "vero" pranzo del mio papà che ha gustato quelle clementine di Francesco come un bambino gode nel magiare le caramelle più dolci... Trentasei ore dopo mio padre non era più con noi... Anche per  questo ringrazio Francesco...per esserci stato...per aver regalato quel momento bello e irripetibile di intimità a mio papà...per le sue clementine...
Nella Musica di "Dolcissime" c'è anche tutto ciò... Per questo sono commosso all'idea che questa sera, e nei prossimi giorni, tante persone ascolteranno quei racconti sommersi in una storia fatta di acqua, cuori, amicizia, amore e tanto altro...
Anche per questo non potete mancare all'appuntamento....


Buona serata...buona visione...

giovedì 27 giugno 2019

27/06/2019...Giovedì pomeriggio... Ciao Ragazze...ciao ragazzi

Buon pomeriggio...

Cinque anni fa...
...Oggi...
La sera della cena di classe sono stato invitato a fare un piccolo discorso...
E’ stato davvero breve... Troppa era la commozione...le parole sono state intrappolate dal magone...
Ogni anno assisto con malinconia al rito del chiudersi di un ciclo della vita...quello dei cinque anni di studi liceali che loro, gli studenti, compiono con noi docenti...
Ogni volta è un vero trauma...perché, nel suo piccolo, la fine di quel percorso didattico di cinque anni rappresenta, comunque, un “lutto” da elaborare...uno dei tanti esercizi che noi esseri umani dobbiamo compiere nel corso della nostra esistenza per esorcizzare la paura del distacco definitivo...per sempre...
I cinque anni di studi liceali sono di importanza estrema per un giovane... Si entra al liceo che si è ancora bambini...se ne esce da adulti...
Credo che quegli anni siano i più rivoluzionari per un ragazzo... Noi docenti, che ci troviamo a condividere con loro quel salto a piè pari nella vita adulta, diventiamo un tutt’uno con i nostri allievi...diventiamo una sorta di famiglia allargata da cui, prima o poi, si prende necessariamente, e doverosamente,  il volo...
Queste sensazioni le ho vissute innumerevoli volte nella mia adorata scuola casalese... Quante volte mi sono trovato a piangere con le ragazze e i ragazzi di quel mondo incantato fatto di Musica, arte, spettacoli e umanità...ogni anno... Sì perché, a ogni cambio di calendario, assistevo sempre a un’emorragia di anime belle e affettuose che si staccavano dal mio cuore per andare a crescere altrove...
Quest’anno è ancora diverso... L’esame di stato dell’anno scolastico 2018/2019 rappresenta il primo vero distacco dei nostri ragazzi del liceo musicale...
Cinque anni...cinque lunghissimi (e brevissimi) anni sono passati dal giorno in cui, nell’agosto 2014, è arrivata la notizia che ad Alessandria sarebbe partito il nuovo Liceo Musicale presso l’Istituto Superiore “Saluzzo - Plana”... Tutti noi potenziali docenti ci siamo affrettati a compilare la domanda di “utilizzo”... Era un sogno, per noi musicisti, compiere quel salto di qualità nel mondo della didattica musicale...
... Così la nostra “avventura” è iniziata...
Per la verità l’esordio del nostro liceo è stato quantomeno grottesco... Dopo l’orientamento nelle scuole medie e l’esame di ammissione degli allievi, il ministero, attraverso i suoi uffici territoriali, aveva comunicato che il liceo musicale alessandrino non sarebbe partito... Noi futuri docenti non eravamo ancora della partita, ancora ancorati alle nostre sedi ufficiali sparse per la provincia... Non abbiamo quindi avuto alcun merito se le carte in tavola sono cambiate a favore dei nostri ragazzi... Il merito è loro e delle loro famiglie... Quel gruppo di studenti, non più di quindici (gli altri si erano fatti demoralizzare dagli eventi e avevamo cambiato scuola), non ha abbassato la guardia...né le aspettative...Quei ragazzi volevano frequentare il liceo musicale e sono rimasti lì... ad  aspettare...puntando i piedi e il cuore... Le loro famiglie, altrettanto coraggiosamente, hanno fatto il resto...hanno scritto lettere...coinvolto i media... Maria Rosa, con Laura e tanti altri genitori, si sono mobilitate riuscendo anche a far arrivare in provincia Andrea Pamparana e la sua trasmissione “L’indignato speciale”...
Insomma...mentre noi, futuri docenti, eravamo ancora alle prese con i problemi delle nostre scuole di appartenenza, nel capoluogo di provincia c’era un manipolo di cuori e nervi saldi che ha ottenuto l’impresa...
Ed eccoci, quindi, nei primi giorni di settembre 2014, reclutati per l’insegnamento delle più disparate materie presso il nuovo Liceo Musicale del blasonatissimo Istituto di Istruzione Superiore “Saluzzo Plana”...ad Alessandria...
Ricordo ancora quella riunione nell’aula magna del ”Saluzzo”...quindici ragazzi...altrettanti genitori...un pugno di docenti...tutti concentrati nel dare il “la” a quella nuova vita didattica...
Così è partito il nostro viaggio...avventuroso e bellissimo...pieno di incertezze... Ecco perché abbiamo battezzato quegli allievi, solo quelli, “i Pionieri del Liceo Musicale”...perché sono stati proprio loro a camminare, per primi - senza reti e senza certezze -, lungo il sentiero della Musica...la nostra...
Dopo pochi mesi di attività, tutti noi eravamo già in grado di tenere concerti dal vivo... Ricordo ancora con enorme piacere il nostro primo concerto, il 16 dicembre 2014 nella Casa della cultura “Borsalino” di Pecetto di Valenza...tutti gli allievi impegnati...tutti i docenti presenti...

La nostra orchestra...cinque anni fa...








Quelli sono stati, certamente, i momenti più belli del nostro liceo... Grandi imprese (musicali) fatte con piccole cose...
...Poi, anno dopo anno, ad arricchire quel drappello di soldati dell’arte dei suoni, ecco un intero esercito di musicisti...
Oggi, dopo neppure cinque anni solari dall’inizio della nostra storia, abbiamo raggiunto il tetto massimo di studenti permesso dalla complessa (e spesso farraginosa macchina burocratica)...abbiamo un’orchestra sinfonica  di cinquanta elementi...un’orchestra di fiati, una di archi, un coro, gruppi da camera di ogni natura...gruppi per l’esecuzione live di Musical...vantiamo concerti in mezza Italia, da Savona al lago maggiore, da Casale monferrato a Roma, da Roma a Gaeta...
...siamo conosciuti (e direi apprezzati) in tutta Italia...

La nostra orchestra oggi...
...ma non saremmo così se non ci fossero stati i nostri pionieri...i nostri “eroi” e le nostre “eroine”...cuori che ora ci lasciano per andare altrove...per portare anche parte di noi che restiamo nei luoghi dove andranno...per raccontare con la loro Musica il nostro DNA artistico e sentimentale...il nostro amore...
Il mondo gira...e anche noi, pur se stiamo fermi, ruotiamo con lui e le sue storie... 

Scatti dall'esame...





















Sono certo che queste ragazze e questi ragazzi faranno sempre capolino nella nostra vita...vita spesa per crescere, tutte/i insieme, e per camminare verso futuri sempre più luminosi...

Ciao ragazze/i...vi aspettiamo tra le pagine dei più alti capolavori della Musica universale e della vita...


Buona giornata...