Care lettrici e lettori fedeli, il conteggio di Net-parade,ogni mese, parte da zero. E' mia intenzione posizionare il mio BLOG nel punto più alto possibile delle classifiche. Per farlo ho bisogno del vostro aiuto. Cliccate sul banner qui sopra. Non occorrono dati personali, basta cliccare su "sì, confermo il voto"...SI PUO' FARE OGNI ORA! GRAZIE!

mercoledì 23 maggio 2018

23/05/2018... Mercoledì pomeriggio... Grande attesa per il concerto di venerdì 25 maggio...

Buon pomeriggio...



Questa mattina, approfittando della più che provvidenziale assemblea d'istituto, io e una dozzina di bravissimi e "coraggiosi" studenti del Liceo Musicale "Saluzzo - Plana" di Alessandria, ci siamo trovati in auditorium per provare i brani che eseguiremo venerdì 25 maggio nella nostra rassegna "I venerdì del Liceo" insieme al grandissimo musicista Gianni Coscia...



I

Eh...sì...davvero grandissimo... Il fisarmonicista alessandrino, ex allievo del "Plana", compagno di banco di Umberto Eco, è davvero uomo dalle mille risorse e capacità...
In poco più di un'ora e mezza di lavoro è riuscito a focalizzare tutti gli aspetti interpretativi dei brani che eseguirà il giovanissimo ensemble...li ha ottimizzati con semplici ma geniali accorgimenti...


Le ragazze e i ragazzi erano attentissime/i di fronte a un "docente" di così grande capacità comunicativa...sempre pronto allo scherzo e al racconto di aneddoti in grado di far comprendere meglio ogni pagina eseguita... 


La stessa verve l'istrionico fisarmonicista la tirerà fuori dal suo "cilindro" di uomo di spettacolo per intrattenere il numerosissimo pubblico di venerdì sera...


Come faccio a sapere che ci sarà tanta gente, signora?!
Ma è ovvio...non sono ancora uscite le notizie sui giornali e già piovono telefonate e prenotazioni...
Eh...già...credo proprio che questa volta sia il caso di prenotare il posto a sedere...
L'auditorium non è immenso e, di conseguenza, si è deciso di accogliere le richieste di assegnazione di posti per il concerto di venerdì...
Dove potrete richiedere il numero di posti a sedere?
Beh...potrete scrivere nei commenti di questo BLOG...o sulle pagine Facebook; la mia personale e quella del Liceo... Ecco i LINK per accedere:






Ovviamente rimane sempre aperta la possibilità di svolgere il concerto in aula magna... Come sappiamo, quella bellissima struttura non ha l'acustica ottimale per i concerti... Gianni Coscia la pensa come noi...
Speriamo di riuscire nell'intento di far stare tutte/i comodamente seduti in auditorium...



A tutte/i promettiamo che quello di venerdì sera sarà un gran bel concerto... Le prove di questa mattina ci hanno davvero emozionato...e, sono certo, capiterà anche a voi che verrete ad ascoltarci...

martedì 22 maggio 2018

22/05/2018... Martedì sera... Venerdì 25 maggio un ex allievo speciale del "Plana" chiuderà la nostra rassegna concertistica...

Buona sera...



Venerdì 25 maggio, presso il Liceo Musicale “Saluzzo – Plana” di Alessandria, avrà luogo l’ultimo concerto della rassegna intitolata “I venerdì del Liceo”. Sarà una chiusura in grande stile perché a tenere banco (e trovandoci tra le mura del blasonato liceo alessandrino non si potrebbe usare frase più adatta) sarà un ospite d’eccezione: Gianni Coscia.


GIANNI COSCIA
Alessandrino, ex allievo del “Plana” (ai tempi fu compagno di banco di Umberto Eco; i due furono grandi amici e scrissero a quattro mani anche pièce teatrali per la scuola), Gianni Coscia è un fisarmonicista di fama internazionale, conosciuto dal grande pubblico soprattutto nell’ambito della musica jazz. Ha suonato con tutti i grandi interpreti italiani e internazionali della musica afroamericana: Enrico Rava, Giorgio Gaslini, Gianluigi Trovesi, per citarne solo alcuni. Per anni è stato impegnato in ambito teatrale. Con la cantante Milva ha compiuto trionfali tourneé nazionali e internazionali. 
Eccellenti le collaborazioni anche nell'ambito della Musica colta. Tra le più significative, si ricorda il sodalizio, nel 1993, con Luciano Berio per la stesura di musiche per uno spettacolo contro l'antisemitismo.

VENERDI' SARA' UN GRAN GIORNO
Ovviamente io sarò davvero onorato di accompagnare un musicista di così grande importanza e sensibilità artistica...
Conosco Gianni Coscia fin da quando ero ragazzino (ovviamente lui non conosceva me)... 
Ho passato la mia infanzia in un Jazz Club in un paesino vicino alla mia città natale: Acqui Terme... Gianni Coscia veniva molto spesso a tenere concerti a Visone (questo era il nome del paesino...a me successivamente diventato molto "familiare")... Io, a quei tempi, ero abituato ad ascoltare quello strumento solamente nella musica da ballo... Per me è stata una rivelazione...
Gianni Coscia mi ha spinto ad approfondire la conoscenza della fisarmonica...così sono giunto anche a  conoscere e ad amare la Musica per Bandoneon di Gardel e Piazzolla.
Successivamente (allora ero già direttore artistico di Terzo Musica), io e il comitato artistico dell'associazione terzese abbiamo assegnato al fisarmonicista alessandrino il prestigioso "Premio Protagonisti nella Musica", già attribuito a personalità importantissime del mondo musicale come José Carreras, Bruno Lauzi, Pierre Thibaud (prima tromba dell'Opera di Parigi), Roberto Benzi (direttore d'orchestra parigino di fama mondiale)...
Capirete quindi che ora, avendo la possibilità di "dialogare" con un gigante della Musica Jazz, mi sento davvero felice e realizzato.


GLI STUDENTI DEL LICEO MUSICALE
L’inizio del concerto vedrà anche protagonista una formazione composta da una decina di studenti del liceo musicale che proporranno l’esecuzione di alcuni brani indimenticabili dell’era del grande Jazz, quella di Glenn Miller, Benny Goodman, Duke Ellington.


IL PROGRAMMA
Vi chiedo cortesemente di cliccare sul LINK che segue: 



in questo caso accederete all'evento della serata e potrete mettere il vostro "parteciperò"...
Detto questo...
Tutta la serata sarà dedicata all’età d’oro della musica “improvvisata”.

Gianni Coscia ed io proporremo al pubblico una scaletta ricca di pagine indimenticabili del repertorio Jazz degli anni ’40 e ’50. Note e parole “improvvisate”, come nel nostro stile abituale, senza rete e senza troppi accordi (verbali, s’intende, quelli musicali ci saranno eccome)…non a caso il nostro concerto s’intitola “a nota libera” e promette di far divertire e commuovere in un percorso fatto di musica, parole, aneddoti sul  “vecchio” Plana e sui suoi studenti di ogni tempo e…senza tempo…


Non ho altro da dirvi se non questo: non perdetevi la serata di venerdì 25 maggio...sono certo che vi farà tornare a casa più sereni e carichi di cose belle...

Buona serata...

giovedì 17 maggio 2018

17/05/2018... Giovedì pomeriggio... Domani arriva la grande Musica che guarda al suono contemporaneo...

Buon pomeriggio...



A voi, care lettrici e cari lettori, che leggete le mie pagine e amate la grande Musica, consiglio davvero caldamente di venire domani sera nel nostro Liceo Musicale per ascoltare un concerto davvero bellissimo e interessante...
Bellissimo perché i due esecutori sono davvero di prim'ordine...interessante perché Andrea Lanza e Luca Serrapiglio proporranno un programma davvero inconsueto...almeno per la nostra zona...
Si tratta di Musica del nostro tempo, eseguita dalla chitarra elettrica che, in questo caso, vestirà i panni dello strumento "colto". Noi siamo infatti  abituati a vederla imbracciata dai più accaniti rockettari di ogni età...domani sera, invece, diventerà altra cosa, dialogando con ogni tipo di saxofono e con il clarinetto basso (suonati da Luca Serrapiglio). E vedremo...anzi...ascolteremo i saxofoni dialogare con il ghettoblaster.
Che cos'è il ghettoblaster, mi chiede Signora?!
Beh...il nome può sfuggire ai più ma l'"aggeggio" no... Si tratta, infatti, di quel grosso apparecchio portatile  per la riproduzione sonora, munito di altoparlanti, che i ragazzi degli anni '70 del secolo scorso si portavano sulle spalle, o in spiaggia, o nelle metropolitane, per ascoltare musica e ballare. L'hip hop deve molto della sua diffusione a questi stereo portatili, soppiantati successivamente (già dagli anni '80) dai decisamente meno "invasivi" Walkman e, ancora dopo, dagli Ipod e, ancora più tardi, dagli Smartphone.
Da non perdere assolutamente, poi, “Tierkreis” di Karlheinz Stockhausen, opera composita scritta originariamente per carillon e dedicata ai dodici segni zodiacali. Andrea Lanza e Luca Serrapiglio eseguiranno alcune delle dodici melodie del compositore tedesco che, successivamente alla creazione dell'opera, ne preparò una versione senza l'indicazione degli strumenti che dovevano eseguirle... I due esecutori di domani sera, quindi, le faranno  proprie e dei loro strumenti...

Ma...andiamo maggiormente nel dettaglio...

Il concerto

Venerdì 18 maggio, presso l’Auditorium “Francesco Roggeri” del Liceo Musicale “Saluzzo – Plana” di Alessandria, avrà luogo il settimo concerto della Rassegna intitolata “I Venerdì del Liceo”. “Re-Acting Tierkreis” è il titolo dell’interessantissimo evento di venerdì.
Chi verrà ad ascoltare Andrea Lanza (Chitarra elettrica) e Luca Serrapiglio (Saxofoni e Clarinetto basso) rimarrà sorpreso e felicemente stupito da quello che proporranno i due musicisti che, da anni, costituiscono un duo inconsueto, tagliente e multiforme, eterodosso e senza confini. Entrambi i musicisti provengono da studi accademici e si dedicano da sempre alla pratica dell’improvvisazione, della ricerca, della musica creativa. La ricchissima varietà timbrica della chitarra di Andrea Lanza, un’incredibile tavolozza orchestrale, e le molte voci dei fiati di Luca Serrapiglio sono gli elementi chiave del loro concerto. Un viaggio tra antiche melodie armene, musiche di compositori contemporanei, libere improvvisazioni, suoni e rumori.


Il programma

Ecco uno sguardo all’originalissimo programma.
Tra i brani, tutti di grandissimo interesse, svettano alcune “perle” della musica contemporanea. “Trash Tv Trance” di Fausto Romitelli, per chitarra elettrica. Di Jacob Ter Veldhuis, invece, verrà eseguita “Grab It”, per saxofono tenore e ghettoblaster.
Da non perdere, poi, “Tierkreis” di Karlheinz Stockhausen. Il duo eseguirà alcune delle dodici melodie che il compositore tedesco scrisse per i segni zodiacali.
La versione originale è per carillon. Successivamente l’autore traspose la sua opera in una partitura senza indicazioni di organico. Serrapiglio e Lanza proporranno la loro versione per sax e chitarra elettrica.



Gli esecutori

Andrea Lanza, nato a Torino nel 1969, si è diplomato al Conservatorio “Antonio Vivaldi” di Alessandria sotto la guida di Angelo Gilardino e successivamente ha frequentato corsi di perfezionamento con David Russel, Tillman Hoppstock, Dusan Bogdanovic. È risultato vincitore di diversi premi internazionali (Concorsi Internazionale di Ancona, Concorso Internazionale "Benvenuto Terzi" di Bergamo, Concorso Internazionale di Lagonegro). Si dedica ad un’approfondita ricerca nei generi musicali legati alla sperimentazione, improvvisazione e interpretazione di partiture informali. Dal 2000 fa parte del gruppo di musica contemporanea ‘Impressive Ensemble’, progetto musicale multiforme di Claudio Lugo. Ha collaborato con l'Ensemble Dissonanzen di Napoli registrando il CD "Musica Porosa" con i solisti Markus Stockhausen e la clarinettista Tara Bouman. Dal 2005 è la prima chitarra del “Torino Guitar Quartet” con il quale ha pubblicato il CD “Codex”, opera integrale per quattro chitarre del compositore chitarrista Dusan Bogdanovic e musiche di C.Corea, K.Volans, B.Evans, F.Zappa e R.Fripp.!
Nel 2009 gli viene dedicato “Haendelectric”, concerto per chitarra elettrica e orchestra di Claudio Lugo, eseguendo la prima esecuzione assoluta a Napoli con l’orchestra di musica antica “Pietà dei Turchini”. ! Nel 2011 ha tenuto la prima esecuzione mondiale di “Leggenda”, opera di Alessandro Solbiati, nell’ambito della manifestazione MITO con l’Orchestra del Teatro Regio di Torino e sotto la direzione di Gianandrea Noseda. Ha lavorato tra gli altri con Andrea Ceccon, Giacomo Agazzini, Claudio Lugo, Luigi Attademo, Cristina Zavalloni, Markus Stockhausen, Tara Bouman, Michele Marelli, Esmeralda Sciascia, Steve Noble, Francois Rosset. È docente di ruolo di Chitarra presso la Scuola Media ad Indirizzo Musicale di Sant’Antonino di Susa (To).

Luca Serrapiglio è saxofonista e clarinettista basso, è compositore, improvvisatore, performer, suona live electronics. Si è diplomato al Conservatorio di Alessandria in Saxofono con il M° Claudio Lugo e in Musica Jazz con il M° Luigi Bonafede. Con il M° Lugo ha poi conseguito con lode la laurea specialistica di II livello in Saxofono. Ha studiato, tra gli altri, con Tim Berne, William Parker, Moni Ovadia, Roman Siwùlak, Achille Succi, Giancarlo Schiaffini, Stefano Zenni, Attilio Zanchi, Rob Brown, Luca Valentino.
Ha lavorato tra gli altri con Vincenzo Vasi, Taylor Ho-Binum, Chris Jonas, Gianni Mimmo, Edoardo Marraffa, Piero Bittolo- Bon, Tim Trevor-Briscoe, Xabier Iriondo, Adalberto Ferrari, Francesco Cusa. Dal 2006 al 2010 fa parte della compagnia teatrale “Porte Girevoli” di Claudio Cinelli.
Con il fratello Andrea Serrapiglio compone e suona le musiche degli spettacoli del danzatore e coreografo Leonardo Diana. Nel 2006 con Andrea Serrapiglio e Andrea “Ics” Ferraris crea il gruppo di musica elettroacustica Airchamber 3, con cui pubblica due dischi, crea colonne sonore di cortometraggi, e nel 2014 sonorizza dal vivo “Metropolis” di Fritz Lang durante la Notte Bianca di Firenze. Nel 2015 suona nel Sonic Genome di Anthony Braxton al Museo Egizio di Torino per il Torino Jazz Festival.
Insegna saxofono presso il Liceo Musicale di Alessandria. E' ideatore ed organizzatore degli eventi dell’associazione culturale “Valdapozzo”.

Per concludere…a nota libera…
Il 25 maggio la Rassegna concertistica si chiuderà con un ospite d’eccezione, Gianni Coscia, fisarmonicista alessandrino ed ex allievo del “Plana”.

Coscia incontrerà il pubblico della rassegna e proporrà un recital che a me è piaciuto intitolare “a nota libera” per il suo carattere di improvvisazione, musicale e di parole. Sarà  accompagnato al pianoforte dal sottoscritto. Non potrete mancare anche perché sarà previsto, come "antipasto", l’intervento di un gruppo di studenti del Liceo Musicale che dialogheranno in musica con il grande fisarmonicista di fama internazionale.

Non mancate...domani sera...e venerdì prossimo...

giovedì 3 maggio 2018

3/05/2018... Giovedì mattino... Eterni bambini...

Buongiorno...



Da un po' di giorni è terminata (almeno per il momento) la nostra avventura con Peter Pan ...
Sì...lo so SIGNORA che sono passate quasi due settimane dalla nostra spedizione romana ...
Come lei ben saprà, ho imposto un radicale stop alla mia redazione personale di "flussi di pensiero"... 
Ultimamente dedico spazio alle mie parole "visibili" solo nei momenti "morti" (e comunque sempre "vivi")... questo è uno di quegli attimi in cui posso muovere le dita su tasti che non siano quelli del pianoforte ...
Stavo dicendo ...
Anzi ...
... stavo scrivendo ....
Da quasi due settimane la nostra avventura con Peter Pan è finita... 
Può darsi che l'eterno bambino riprenda a volare con noi ... 
Chi siamo "noi"?
SIGNORA...dovrebbe saperlo! Lei sa sempre tutto... Noi siamo: il sottoscritto, i miei allievi del liceo musicale "Saluzzo - Plana" di Alessandria e i ragazzi di Doppio Esclamativo, la compagnia alessandrina che ha fatto rinascere, e volare Peter...
Come ogni attività (artistica, umana e didattica) che si estende nel tempo, anche questa ha lasciato i suoi bei segni...segni sia artistici che umani...
Anche questa volta  è nato un  doppio legame tra chi trasmette e chi apprende... Insieme abbiamo creato un vortice osmotico di sensazioni che ci hanno fatto crescere... Siamo cresciuti noi che abbiamo avuto il timone della nave tra le mani...sono cresciuti i ragazzi che hanno voluto credere in noi e nel progetto ...
Ecco, quindi, il mio pensiero del giorno...che poi diventerà il mio pensiero del mese...o del semestre...o dell'anno...
Tutti noi cerchiamo in qualche modo di raggiungere l'immortalità... C'è chi ci prova procreando eredi del proprio DNA...c'è chi prova a creare opere nella speranza che diventino eterne ...
In questa fredda mattina di inizio maggio, che sta sempre più assomigliando a un inverno tardivo piuttosto che a un sereno preludio d'estate, ho ridimensionato il senso di eterna immortalità dell'uomo...
I segni e le parole, in fondo, rappresentano una sorta di testamento spirituale che "salva" la nostra specie...quella pensante (o pesante) del nostro pianeta ...
In definitiva...se quello che so lo "trasmetto" alla coscienza dei più giovani, io, in qualche modo, mi garantisco una sorta di immortalità... Perché quel mio sapere, che a sua volta discende (e dipende) dalla conoscenza di chi mi ha ha preceduto, diventerà il patrimonio artistico/culturale delle nuove generazioni che, a loro volta, trasmetteranno  alle future generazioni i dati e le emozioni ricevuti/e in dono...



Ecco, allora, che la splendida edizione appena conclusa del "nostro" Peter Pan, ha rappresentato per tutti noi un'occasione per ritagliarci una piccolissima "fetta" di "immortalità"... Credo che anche l'eterno bambino nato dalla felice penna di James Matthew Barrie (perché all'inizio del secolo scorso si scriveva ancora con la penna) si sia arricchito di una qualche sorta di "eternità supplementare" ...
Ho idee simili sull'amore universale...ma questa è...anzi...sarà un'altra storia...che vi racconterò quando avrò un altro viaggio da fare...uno spazio della mia vita...libera dalla fretta di arrivare... e un po' di carica nella batteria del computer...che mi sta per abbandonare...in barba alla penna di  James Matthew Barrie e di tutti quelli che non hanno mai subìto questi stupidi problemi "moderni"...

Buonissima giornata ...

sabato 21 aprile 2018

21/04/2018... Sabato pomeriggio... Sulla strada per Roma...per ritrovare Peter Pan...

Buona sera...






Dopo i fasti casalesi di PETER PAN e la sua ciurma, ecco che l'intero CAST sta per affrontare una prova più ardua...quella di conquistare a suon di applausi il pubblico esigente ed estraneo di Roma, la capitale...la città eterna...duro banco di prova anche per le compagnie più navigate... Ma noi abbiamo loro...i pirati di Capitan Uncino...saranno loro a guidare i "buoni" e i "cattivi" alla conquista del Nuovo Teatro San Paolo...





Pirati anomali...invero...perché si stanno spostando, e noi con loro, con un pullman...




Mentre sto scrivendo siamo proprio in viaggio, in un'autostrada che sembra un mare calmo, privo di ondate di traffico nocive al tempo e ai nostri nervi... Tutto scorre (o corre) liscio e tranquillo...
...meglio...perché domani sarà una giornata complicata e faticosa...




Arriveremo questa notte...dormiremo l'essenziale poi, di prima mattina, ci recheremo in teatro...lì staremo tutto il giorno... 





In poche ore dovremo allestire il palcoscenico (le scenografie non sono semplici da montare), provare i suoni dell'orchestra, fare una bella "filata" dello spettacolo...e alla fine, come la ciliegina sulla torta, ecco lo Show...quello vero... Saremo senz'altro freschi come rose!
Considerate che il giorno seguente, alle dieci, avremo la replica...



Bella la vita se questa è uno spettacolo...e il nostro "Peter Pan" lo è...senz'altro...
Alle amiche romane e agli amici romani dico: venite a vederci...ad ascoltarci...direi con ragionevole certezza che non ve ne pentirete...
Vi aspettiamo...domani alle 20:30...lunedì alle 10:00...Nuovo Teatro San Paolo... ROMA!





lunedì 9 aprile 2018

09/04/2018... Lunedì pomeriggio... PETER PAN...a Casale Monferrato...EVVIVA...e viva!

Buon pomeriggio...


Mancano due soli giorni al debutto di PETER PAN al TEATRO MUNICIPALE di CASALE MONFERRATO!
Eh...signora...lei mi chiede perché utilizzo tutte queste lettere maiuscole all'inizio di questo POST! 
Le rispondo subito: perché questo approdo di PETER PAN nel "tempio" della cultura casalese è qualcosa di maiuscolo che si merita anche un bel punto esclamativo...anzi un DOPPIO ESCLAMATIVO...che poi è anche il nome della compagnia che lo ha ideato e promosso in tutti questi mesi di duro lavoro...
Vi ho già scritto tutto del giovanissimo CAST e dei giovanissimi musicisti...non impiego altro tempo a scrivere parole su questo... 
Se volete sapere tutto di noi leggete cliccando su questo LINK: Cliccate qui per leggere tutto sul CAST di PETER PAN!
Per quanto mi riguarda io sono felicissimo di tornare il quel posto meraviglioso... Quanti spettacoli...quanti volti...quanti cuori mi hanno accompagnato in quella selva di parole, note, lacrime, risate spese e sparse su quel palcoscenico incredibile in vent'anni di attività...
Non credo di sbagliarmi... Il Municipale è senz'altro uno dei teatri più belli del Piemonte...ma forse la sua bellezza trascende i confini regionali per competere con altri luoghi incantevoli della cultura italiana...
La magia del Municipale è davvero immensa... Per me, lo avete ormai capito, stare su quel palcoscenico diventa davvero qualcosa di molto personale... Ci ho mosso così tanti passi da sentirlo in parte mio...
Anna Maria La Fauci, anima dello spettacolo, mi informa che il teatro si sta velocemente esaurendo...e questo vale per entrambe le serate... Ci sono ancora biglietti ma direi che, nel giro di pochissimo, sarà difficile trovare un posto buono sia per lo spettacolo della prima sera (11 aprile) che per quello della seconda (12 aprile)...proprio come in quei tempi gloriosi... Mai uno spettacolo dei nostri, nei vent'anni magici, ha lamentato posti vuoti, sia in platea che nei palchi...
Sto pensando a quanti occhi ritroverò nel buio di quella luce fatta di ricordi e intense emozioni... So per certo che verranno a vederci ex allieve di tanti anni fa...verranno con le loro bambine e i loro bambini...verranno tanti ex allievi...tanti amici...tante amiche...
Saranno giorni molto belli quelli di PETER PAN...
Pochi giorni dopo saremo a Roma, al Teatro Nuovo San Paolo (EUR)...anche lì rivivrà l'eterno bambino... Anche nella trasferta romana farà volare i protagonisti e il pubblico in quella ricerca dell'eterna felicità che sembra essere raggiungibile totalmente solo rimanendo fanciulli...
Alla fine della vicenda, il nostro Peter Pan, pur vedendo tutti i protagonisti della favola (Capitan Uncino, Spugna, i bambini sperduti) scegliere di abbandonare l'isola che non c'è per crescere nel mondo dei "normali", rinuncia per sempre a  diventare adulto e si butta dalla finestra della casa di Wendy per tornare nella sua dimensione onirica... 
Che cosa cerca davvero l'eterno bambino? Forse un'illusoria felicità che, a tutti noi che cresciamo (chi più chi meno) ogni giorno, fa invida ma anche tanta tenerezza...


Non mancate...e provate a volare anche voi...con noi...

Prevendita presso la libreria "Il Labirinto", via Benvenuto Sangiorgio n.4, Casale Monferrato... 

Per informazioni e prenotazioni: 328 4588730 - 329 4073203.

giovedì 5 aprile 2018

05/04/2018... Giovedì mattina... All'alba di un futuro più breve di un sogno...

Ciao...


Ti trovo arenato su questa umida spiaggia del mio mare che oggi, più di altri giorni sa di bagnato...di lacrime...
Ma poi...sei arenato o arenata?
Perché, vedi, non mi sembri semplicemente un tronco portato dal mare da un posto all'altro della nostra fantasia più o meno fervida... Mi sembri qualcosa di più vivo...
Un uomo? Una donna?



Semmai un mezzo uomo o una mezza donna... Non hai testa...hai una parte di te che ricorda qualcosa di simile alle gambe di un essere umano...o...forse richiami alla mente quella parte della sirena più lontana da noi...


Tu non hai camminato...semmai hai nuotato...
...o hai volato?
Si può volare sul mare?
Sì...lo fanno, tutti i giorni, i gabbiani...
...ma i tronchi no...non lo fanno...non riescono...troppo ancorati al loro essere di legno...una barca prematura...forse mai nata...
Siamo tutte/i barche in mezzo al mare della nostra esistenza...
Per alcune/i questa è uno specchio d'acqua calmo e cristallino...per altre/i un pozzo senza fondo di lacrime e sangue...dolore e morte...
Perché ci meritiamo vite così differenti?
Nasciamo predestinate/i?
O ci creiamo la nostra fortuna/sfortuna semplicemente respirando?
... Passo i miei pochi minuti liberi, prima di rituffarmi nella Musica, su questa sabbia di un mare ancora troppo freddo per essere credibile in questo squarcio iniziale di aprile...
Incredulo guardo quel corpo inerme e senza radici adagiato su un soffice tappeto di farina dorata e aspra...non accogliente...
Non ci sono orme... Le uniche che lambiscono i tuoi confini fisici sono le mie, persona curiosa che si è avvicinata a te per cercare di capire e carpire il tuo essere...



E come ci sei arrivato, dunque, su questo litorale? Chi ti ha portato?
...
Nulla...non rispondi...
Te ne stai lì, pigramente agitato...nervosamente adagiato...con i tuoi rami che sembrano braccia protese a gridare...
...se non fosse che stanno al posto dei piedi...ammesso che tu possa essere paragonato a uno di noi...

Perché ti disperi?
Che cosa ferisce 
il tuo cuore
che unisce
la gioia al dolore?
Lo eri anche ieri
infelice?
O solo nelle ultime ore
di lei,  Beatrice,
hai scoperto l'orrore?
Tu taci...
chi tace acconsente
e come colui che non sente
ascoltando persone loquaci
rimani assopito
in un torbido stato
di veglia...
rapito
o forse aggrappato
alla voglia
di credere solo alle favole belle...
...che non finiscano, giorno più o giorno meno,
come povere stelle
sulle fredde rotaie di un treno
...per una volta puntuale...
all'incontro col feroce destino
di una vita normale
in un freddo mattino
all'alba di un futuro più breve
del sogno di quell'anima lieve

che ha smesso di cantare...
...o forse si sente...nel mare...



...in memoria di Beatrice...