Care lettrici e lettori fedeli, il conteggio di Net-parade,ogni mese, parte da zero. E' mia intenzione posizionare il mio BLOG nel punto più alto possibile delle classifiche. Per farlo ho bisogno del vostro aiuto. Cliccate sul banner qui sopra. Non occorrono dati personali, basta cliccare su "sì, confermo il voto"...SI PUO' FARE OGNI ORA! GRAZIE!

lunedì 6 dicembre 2021

06/12/2021... Lunedì sera... DIECI ANNI

 Buona sera...



Caspita...dieci anni fa nasceva "Enrico Pesce Music", il blog che state leggendo in questo momento... DIECI ANNI...non è uno scherzo...

In realtà la data della sua creazione risale al 4 dicembre 2011 ma in questi due ultimi giorni non ho proprio avuto tempo per fermarmi un attimo e scrivere due considerazioni sul decennale della mia creatura!

DIECI ANNI e milioni di parole! 

E' ben vero che in questi ultimi anni non ho frequentato molto questa "stanza" dei pensieri... Quest'anno, contando anche quello che sto scrivendo ora, ho scritto sei POST... E' andata meglio nel 2020...Allora, complice anche il Lockdown durante la prima ondata pandemica, ne avevo pubblicati ventinove!

Pensate che negli anni gloriosi scrivevo tre volte al giorno, 365 giorni l'anno... Il primo POST lo pubblicavo al mattino, verso le 5 e mezza, il secondo usciva nel primo pomeriggio e uno alla sera...subito prima o subito dopo cena...

Da ossessivo compulsivo quale sono, riuscii a mantenere  questo ritmo per parecchi anni...poi, pian piano - sopravvenendo altri impegni e altre ossessioni (per esempio il voto su NET PARADE, chi leggeva abitualmente il BLOG sa di cosa sto parlando, o le visualizzazioni su YouTube) -, ho gradualmente mollato la presa e ho scritto saltuariamente...

Oggi ricordo quel periodo "matto e disperatissimo" come bellissimo e stressantissimo...provate voi a scrivere pagine e pagine ogni giorno affrontando temi profondi, serissimi, faceti, musicali, filosofici di ogni natura...inventando una battuta umoristica al giorno, un indovinello bislacco che aveva nel gioco di parole la soluzione, puntualmente pubblicata il giorno seguente. 

In tutto, a oggi, ho scritto 4.548 POST...letti, complessivamente, da 1.713.144 visitatori... Non male, no?!

Se avete voglia e tempo, girate all'interno delle migliaia di pagine scritte e riscritte...e fatevi viaggi a ritroso nel tempo... Per agevolarvi potrei suggerirvi di cliccare sullo "Stupidiario" (che troverete in cima alla pagina)  per godere delle battute demenziali partorite da questa testa di pesce... Oppure digitate "Pensieri seri" nella striscia di ricerca del BLOG a destra...lì inciamperete in numerosi scritti serissimi e, talvolta, profondi...

Allo stesso tempo potrete sempre dare un'occhiata alla voce "Concerti", tenuta sempre aggiornata con tutti i miei imminenti impegni musicali...

Insomma...molte amiche e amici di lungo corso sanno di cosa parlo ...altre/i forse no...ma potranno scoprirlo...

Allora...buon viaggio nelle mie parole...sempre lì, da dieci anni, pronte ad accogliervi...con un abbraccio consolante, consonante...ma anche pieno di vocali...


venerdì 12 novembre 2021

12/11/2021...Venerdì mattina...121121 Ossia una data allo specchio



Buon giorno...è da un po' che non ci s'incontra da queste parti... 

L'occasione particolare di questa giornata mi ha spinto a tornare nel mio BLOG per raccontarvi una cosetta simpatica... Segue spiegone...

Eccoci arrivati al momento del lancio del nostro progetto, mio e del grandissimo artista Ivano Anaclerio Antonazzo…a dire la verità l’idea è stata sua! Un giorno Ivano mi ha inviato un messaggio di questo tenore: “vorrei fare qualcosa per il 12 novembre”…io ho inteso che Ivano volesse andare a mangiare una pizza…cosa, peraltro, molto piacevole…invece il nostro aveva in mente di creare qualcosa di artistico dedicato a questo giorno del calendario, giorno palindromo, ossia, una data che si può leggere da sinistra a destra e viceversa…

12/11/21 provateci…vedete? Si legge sempre uguale… Non capita molto spesso nel calendario…soprattutto se si segue il sistema di datazione europea. Nel nostro calendario, per esempio, è stato palindromo il 12 febbraio 2021…12/2/21…

Con la datazione americana capitano più frequentemente queste circostanze… Poiché noi viviamo in Europa, ci atteniamo scrupolosamente alla nostra datazione e ci crogioliamo nella  specificità di questo giorno…

Ovviamente esistono anche un bel po’ di nomi palindromi… OSSO, per esempio, ANNA, un nome piuttosto diffuso da noi… OSSESSO (che è anche il titolo di una mia composizione che pubblicai nell’ormai lontano 2012 nel CD “Distanze”).

Insomma, per tornare a noi, quel giorno Ivano mi chiese di comporre, impegni permettendo, una composizione palindroma… Ho subito avuto paura di non avere il tempo…grave problema la mancanza di tempo per un musicista, non trovate? Battuta a parte, una sera, mi sono messo di buona lena a lavorare al progetto, ho tirato fuori un brano piuttosto palindromo e anche piuttosto ostico (non potete pensare che la matematica risulti anche gradevole all’orecchio)…ho inviato il tutto a Ivano che, con il suo genio, ha vestito le mie note palindrome con i suoi disegni animati…e palindromi…

Un bel modo per festeggiare questo giorno strano…che per noi, per me e per Ivano, oggi diventa più importante di Natale…perché io e il mio grande amico ci siamo fatti un regalo…ci siamo staccati dalle corse frenetiche di ogni giorno per dedicare un po’ di tempo a noi…

Ed ecco che scatta il Contest: c’è qualcuna/o di voi che capisce il senso delle mie note? Che intuisce come ho proceduto per comporre questo brano che s’intitola “AFA EBBE AFA” e che ha come sottotitolo la data odierna?

Provate a immaginare, guardate il video e rispondetemi in privato alla mail enpemusic@gmail.com.


AFA EBBE AFA 121121 Musica di Enrico Pesce Video di Ivano A. Antonazzo


Il primo che risponderà correttamente (o si avvicinerà il più possibile all’obiettivo) riceverà in dono un mio CD… Un piccolo premio per ringraziarvi del tempo impiegato a guardare/ascoltare il nostro progetto e a cercare di capirlo…

Per aiutarvi (forse i musicisti avranno qualche agevolazione)...ecco lo spartito integrale della mia composizione...









Buona visione…

martedì 18 maggio 2021

18/05/2021 Martedì sera...i miei ricordi con Franco Battiato

Buona sera...

Oggi è un giorno triste...per la musica e per me... 



La scomparsa di Franco Battiato rappresenta una perdita gravissima per tutti noi...la sua morte, in un mese di maggio che stenta a decollare e che fatica a condurci verso un'estate più che meritata, è personalmente ancora più toccante perché mi ricorda altri lutti importanti, per me e per la mia famiglia, in altri mesi di maggio, più caldi, più odorosi ma pur sempre anticamera del periodo più bello dell'anno...

Non è mai giusto morire...ma a maggio è ancora più brutto e greve...

"Ninetta mia crepare di maggio

ci vuole tanto troppo coraggio"

...aveva ragione lui, Fabrizio De André... 

Franco Battiato se n'è andato e prima di lui se n'è andata la sua personalità, la sua fulgida mente, la sua ironia...la sua profonda cultura...altra analogia con la morte di mia madre, avvenuta tre giorni dopo...ma undici anni prima...a settantadueanni...

Non voglio fare un POST (troppo) triste...voglio approfittare delle mie pagine per ricordare i momenti che mi legano al grande musicista...due diretti e uno indiretto...

Racconterò in breve prima quello indiretto, che poi è anche il più esilarante... A seguire racconterò i due episodi diretti incominciando dal più recente...perché quello più vecchio è più simpatico...

Episodio n.1

Era il 1984...vivevo a Cremona...ero iscritto alla facoltà di Musicologia (dell'Università di Pavia)... Era un corso quadriennale con l'obbligo di frequenza e, di conseguenza, io e i miei compagni ci eravamo attrezzati per vivere in appartamento... Dopo il primo anno in hotel convenzionato (Cremona non è una città universitaria e non ha strutture per studenti) abbiamo preso casa... Al secondo tentativo abbiamo trovato quella giusta, in via Elio Crotti... Era una di quelle case di ringhiera con il cortile interno... Verso la primavera, con le finestre che incominciavano ad aprirsi sempre più, abbiamo incominciato a sentire cose strane e interessanti: una coppia di fidanzati (o sposi, o amanti...poco importa) avevano preso il vizio,  proprio in quei giorni,  di amoreggiare a tutto volume (tra urla, gemiti e scricchiolii di letto) con l'ausilio, in sottofondo (ma neppure tanto in sottofondo) dell'intero album di Franco Battiato "la voce del padrone" che era uscito nell'autunno 1981 e aveva avuto in tutto il 1982 un successo sbalorditivo (per lui soprattutto) rimanendo diciotto settimane in classifica. E così, ogni pomeriggio, più o meno alla stessa ora, ecco passare in rassegna, ad alto volume, tutte le tracce del disco: Bandiera bianca, Cuccurucucù, Centro di gravità permanente e tutte le altre...contrappuntate dai gemiti d'amore...

Vi garantisco che, io e i miei amici, le abbiamo imparate tutte! E da quel momento, vi posso assicurare che Franco Battiato è diventato per noi un punto di riferimento essenziale.

Episodio 2

Facciamo un salto temporale e andiamo al 2009...al momento in cui io, ormai musicista fatto (ma non nel senso che pensate voi!) e musicologo finito (ma non in senso negativo del termine!) sono stato chiamato dal Comune di Acqui Terme per fare da moderatore in un convegno importante tenuto nella città termale. Nel 2008 Franco Battiato aveva ricevuto il prestigioso riconoscimento "Testimoni nel tempo", nell'ambito del blasonatissimo Premio "Acqui Storia". Battiato venne a ritirare il riconoscimento qualche mese dopo, nel 2009 appunto e io ebbi il grande onore di tenere le fila dei discorsi musicali con lui e gli altri intervenuti. Quello è stato un momento davvero importante e significativo...anche perché ogni sua parola aveva un peso specifico pari a quello del piombo! (A parte che non so che peso specifico ha il piombo...)

Episodio 3

Un momento molto imbarazzante...

L'episodio 3 risale a qualche anno prima, all'estate 2006.  Io mi trovavo sul set di Marco Bellocchio, a Bobbio... Stavo curando le musiche dei lavori che venivano realizzati dal grande regista nel corso del corso iperspecialistico "Fare cinema". Parallelamente, anni prima, era stato creato, dallo stesso Bellocchio, un festival cinematografico presso il piccolo cinema "Le Grazie" del bellissimo paese della Val Trebbia. Quell'anno, tra gli ospiti invitati a presentare i propri lavori, c'era anche Franco Battiato nelle vesti di regista. Era lì per presentare il suo ultimo film, "Musikanten". Quel giorno, a pranzo, io sono arrivato al ristorante "Piacentino"...prima del resto del cast... Mi aggiravo in cerca dei mie colleghi...non sapevo che tutti avevano deciso di saltare il pranzo per andare a fare il bagno nel Trebbia... In quel momento è arrivato Marco Bellocchio con Franco Battiato... Vedendomi solo, Marco, da gentiluomo qual è sempre stato, si è rivolto a me dicendomi: "Enrico, se sei solo accomodati con noi"...e fu così che mi ritrovai a tavola con Marco Bellocchio, uno dei più importanti registi al mondo, e Franco Battiato, una delle menti più acute del panorama musicale e culturale italiano... Eravamo solo noi tre e io, permettetemi la battuta, mi sono sentito proprio un Pesce fuor d'acqua (o d'Acqui...visto la mia provenienza)...non sentivo di meritare un onore così grande...ma così è andata...

Epilogo

Anni dopo, al forum di Assago, ho assistito a un concerto di Battiato...ecco...lì ho incominciato a capire che qualcosa non era più in equilibrio, mancava un centro di gravità permanente... Il cantautore non ritrovava spesso le sue parole e le canzoni proseguivano da sole...senza di lui...

Da "esperto", mio malgrado, di malattie neurodegenerative ho subito pensato che c'era un grosso guaio in arrivo per  lui...

Non mi sono sbagliato...i concerti si sono diradati...le sue apparizioni pubbliche in televisione anche...ormai si intuiva che Battiato aveva intrapreso un cammino senza ritorno...se non nei liberi di storia...

Di quegli episodi non ho fotografie...non avevo ancora l'abitudine (e neppure mi osavo) fare i miei SelFish... Gli scatti che trovate in questo POST si riferiscono all'incontro bobbiese di Bellocchio con Battiato raccontati dal quotidiano piacentino "Libertà"...

Buona serata...

mercoledì 14 aprile 2021

14/04/2021...Mercoledì pomeriggio...Tra un mese esatto esce il CD della nostra SPERANZA!

Buon pomeriggio... 

Mancano solo 30 giorni all'uscita del CD #Hope, realizzato dal sottoscritto e dal grandissimo amico e musicista Fabrizio Poggi che ringrazio per avermi reso partecipe di questa bellissima esperienza...

Se non avete ancora ascoltato il brevissimo promo, fatelo ora cliccando qui: HOPE Fabrizio Poggi & Enrico Pesce - PROMO

"Hope" è un disco, a parer mio, bellissimo, fatto di brani celeberrimi, ricavati dal repertorio blues più tradizionale, ripensati e risuonati in chiave crossover, e di altri, inediti, che rispecchiano il gusto musicale, mio e di Fabrizio, frutto di tante esperienze individuali in più ambiti e ambienti...

"Hope", quindi, diventa il nostro disco d'esordio come duo, un album intriso di speranza, mai come ora indispensabile per poter immaginare un futuro degno della nostra vita migliore...

Bene descrive l'afflato poetico della nostra Musica la copertina del CD, realizzata dal grandissimo fotografo e artista Mauro Negri... Le nostre immagini, ben "leggibili", escono da una penombra fatta di colori scuri e ombre...un po' la metafora di tutti noi che siamo, tutte/i, con un piede fuori e uno dentro all'inferno di una pandemia apparentemente senza fine... Un po' come l'Adamo della cacciata dall'Eden del Masaccio, ricordate? In quel caso, però, il nostro progenitore aveva ancora un piede nel paradiso terrestre che stava abbandonando per precipitare su una terra "Umana"...noi, invece (e intendo tutti noi abitanti di questo pianeta impazzito), abbiamo ancora un piede nell'inferno del Coronavirus e aspiriamo, anima e corpo, a ritornare nel nostro "paradiso terrestre", che è la nostra vita quotidiana, fatta di piccole cose e di piccole case, da troppo tempo divenute la nostra prigione in un incubo che dura ormai da quattordici mesi...

Il disco, che è proprio figlio della pandemia (abbiamo mosso i primi passi nel progetto a settembre 2020, abbiamo realizzato i primi provini tra novembre e dicembre, abbiamo registrato le take definitive tra gennaio e febbraio 2021), uscirà sotto l'egida della blasonata etichetta Appaloosa Records e sarà distribuito in tutta Italia e nel mondo dalla IRD (International Records Distribution). Potrete quindi acquistarlo in tutti i negozi del nostro paese o del resto del mondo o su tutte le piattaforme digitali.

Avrò tempo e modo per raccontarvi di più dei grandi artisti che sono intervenuti nel nostro lavoro per regalare, a noi e a chi ascolterà, quelle che il grande Fabrizio Poggi, definisce le "caramelle per le orecchie"!

Oggi, però, in nome di quella speranza che non ci deve mai più abbandonare, voglio raccontarvi dell'anima giovane di "Hope", i giovanissimi musicisti che hanno dato il loro contributo alla realizzazione del cd... Sono tre studenti del Liceo Musicale "Saluzzo - Plana" di Alessandria, quindi miei allievi dell'ormai prestigiosissimo istituto alessandrino. Li ho voluti coinvolgere proprio perché sono loro, i giovanissimi, che avranno l'onore e l'onere di portare avanti in questa vita complicata, la Musica che la circonda e i buoni sentimenti... Ancora una volta devo soffermarmi un istante per ringraziare Fabrizio Poggi, anima sensibile e giusta, che per primo ha avuto l'intuizione di inserire "linfa vitale" nelle vene della nostra Musica... Ed ecco, allora, il nostro piccolo gruppo di musicisti, già bravissimi: 

Marialusia Berto - Percussioni & Hands Clap

Jacopo Cipolla - Contrabbasso e Basso elettrico

Giacomo Pisani - Percussioni & Hands Clap

Li avete incontrati nel SelFish all'inizio del POST... In quello scatto riconoscerete, da sinistra, il sottoscritto, autore del SelFish (altrimenti non si chiamerebbe così!), Angelina Megassini, anima manageriale (e non solo) del progetto, Marialuisa, Giacomo e Jacopo...

Non vi ho ancora parlato dell'ingegnere del suono, colui che ha dato voce, corpo e colore ai nostri suoni, l'amico e collega Giuseppe Andrea Parisi, già docente di Tecnologie musicali nel nostro liceo... Vederlo all'opera con i ragazzi, durante le registrazioni (effettuate nella biblioteca-studio di casa mia nel rispetto delle più rigorose misure anticovid), mi ha riportato indietro all'autunno 2019 quando, lontani da ogni ombra pandemica, ci stavamo dedicando, io, tutti i ragazzi del Liceo Musicale e Giuseppe, alle registrazioni del progetto "africano" che tante soddisfazioni ci ha regalato... Nella fotografia qui sotto potrete vedere Giuseppe Parisi intento a microfonare il contrabbasso di Jacopo e, al tempo stesso (non dimenticandosi del recente ruolo di docente di tecnologie), a tenere una breve "lezione" di tecnica della registrazione...


Per inciso...anche Giuseppe, pur essendo già un rinomato tecnico del suono e docente apprezzato da tutti gli allievi e dai colleghi, è molto giovane... Ecco, allora, un altro grande segno di speranza...e...allora...

....che speranza...sia...per tutti noi...


Buona serata...


mercoledì 27 gennaio 2021

27/01/2021...Mercoledì mattina...Avete voglia di frequentare il mio corso di composizione in un posto da favola?

 Buon giorno...


Oggi vi parlerò di un corso che terrò la prossima estate in Sardegna...COVID permettendo!

Si tratta di un corso di composizione all'interno dell'importante festival Arpademia 2021. permettetemi di ringraziare il direttore artistico dell'evento, Eleonora Perolini, che mi ha coinvolto in un'avventura splendida in un luogo meraviglioso...

Andiamo per ordine... Il mio corso s'intitola (C)Arpe Diem (non ho resistito al gioco di parole) e questi sono, in sintesi, i contenuti:

Programma del Corso

Nell’ambito del corso (C)Arpe Diem, Enrico Pesce approfondirà il tema della scrittura per arpa intesa come strumento solista o d’accompagnamento e inserita in ogni tipo di repertorio: da quello classico a quello jazzistico, pop, folk e crossover.

Il corso è aperto a tutti i musicisti (non solo arpisti) interessati ad approfondire stili e linguaggi nuovi pensati e scritti per uno degli strumenti più antichi e belli del patrimonio organologico mondiale. Durante la settimana verranno valutati i lavori degli iscritti e ci potrà essere la possibilità di essere inseriti quali brani d’obbligo nella seconda edizione del Celtic Harp Competition. 

Vediamo, più nel dettaglio, cos'è HarpsFestivalSardegna ARPADEMIA2021 

Arpademia nasce in seno all’Università Popolare dell’Alto Monferrato, Associazione che si occupa di cultura e promozione sociale e di diffusione dell’Arpa con corsi, master e ricerca sull’effetto della vibrazione della corda sulla persona. Sono previsti corsi, concerti, laboratori didattici per bambini e adulti, masterclass, mostre, un programma per avvicinare tutti alla conoscenza di questo magico strumento in occasione di una settimana di relax nella spettacolare cornice della Sardegna a Lu Bagnu.

Gli artisti dell’edizione 2021  proporranno corsi per l’Arpa classica, celtica, jazz, pop e arpaterapia con metodologia Arpademia.
Metodologie interessanti rivisitate dai Docenti che amalgameranno le proprie competenze proponendole in maniera semplice e soddisfacente per gli iscritti. Quest’anno verranno invitati anche degli “Special Guest” che offriranno un valore aggiunto all’evento che ogni anno si arricchisce di contaminazioni non solo musicali e professionali ma anche di confronto, di unione e di ricerca come era l’idea di partenza. Gli eventi serali saranno occasione di cultura e convivialità.

Invasione di musica a Lu Bagnu per una settimana di Cultura e Eventi dedicati all’Arpa!

Per chi non l'avesse capito, io, che certo non sono un arpista, sarò uno degli "Special Guest" di cui si parlava poco più sopra... Oltre a tenere il corso, mi occuperò di una conferenza concerto...ecco l'elenco completo degli incontri con l'autore previsti nella settimana...

Incontri d’Autore con Arpademia

Orario da definire

Roberta Alessandrini

Conferenza sul compositore Giuseppe Alessandrini. Verranno presentate tutte le sue composizioni dedicate all'arpa attraverso l'ascolto di video e di cd. Sarà data particolare attenzione al suo ultimo lavoro editoriale: “Piccoli Pezzi Lirici”

Delphine Constantin-Reznik

Conferenza su diversi compositori arpisti dell'era romantica, tra cui Anton E. Pratté scoperto un paio di anni fa.

Eleonora Perolini e Matteo Canato

L’arpa: vibrazione di benessere unita alle teorie del colore. Presentazione del libro “Arpaterapia e teorie del Colore”.

Paloma Tironi

La tecnica dell’Arpa. La docente esporrà i contenuti del suo libro Non multa sed multum, locuzione latina il cui significato è “non molte [cose], ma molto [bene]. La pubblicazione è un prezioso strumento di lavoro in quanto unico nella sua particolarità.

Tatiana Donis

T. O’Carolan e la sua musica.

Tiziana Loi

Letteratura didattica e arpistica con uno sguardo alla metodologia Suzuki.

Enrico Pesce

“Musica attraverso” ... verso una dimensione senza archetipi o stereotipi

Elena Gorna

Concerto-conferenza in collaborazione con Letizia Eriano.

Ma...dove si terrà il Festival Arpademia2021?



Lu Bagnu è una nota località turistica balneare, frequentata soprattutto in estate per le spiagge.
Ne è testimonianza il fatto che nel periodo tra il 2015 e il 2020 ben 2 spiagge hanno potuto fregiarsi del riconoscimento di bandiera blu: si tratta delle spiagge di Sacro Cuore-Ampurias e della Madonnina/Stella Maris, caratterizzate da sabbia dorata e fondali adatti allo snorkeling ed a sport acquatici.

Il litorale sabbioso di Lu Bagnu è il più ampio della zona e si distingue dagli altri tratti di costa, in prevalenza rocciosi; ad ovest della frazione, nei pressi di Punta la Capra, sono presenti alte scogliere verticali.

La struttura Stella Maris, offre un confortevole soggiorno a tutti coloro che amano il mare, il sole e la tranquillità. Con la professionalità del Presidente della Cooperativa Stella Maris Giuseppe Giuliani, del Consigliere Paolo Giuliani unita alla cortesia di Cinzia Manconi, i presupposti per una settimana di relax e cultura non mancano.

Costruita negli anni 50/60 la struttura che per tutta la sua interezza si affaccia nel Golfo dell'Asinara, si trova in loco. Lu Bagnu, frazione di Castelsardo dal quale dista 3 Km; dotata di ogni genere di servizi che offre una città con in più il vantaggio di essere sul mare. Dotata di ampi spazi sia interni che esterni ha stanze (tutte con bagno) da uno a sei posti, ascensore, parcheggi privati ed accesso diretto alla spiaggia! 

I partecipanti saranno alloggiati nella struttura della residenza “Stella Maris” di Lu Bagnu, Ss; Corso Italia, 42, 07031, dotata di ampi spazi sia interni che esterni e di stanze tutte con bagno, ascensore, parcheggi privati ed accesso diretto alla spiaggia privata.

La struttura, che per tutta la sua interezza si affaccia nel Golfo dell'Asinara, si trova in località Lu Bagnu, una piccola frazione di Castelsardo, dal quale dista circa 3km. Immersa nella macchia mediterranea tra dune di sabbia e ginepri. La struttura è dotata di ampi spazi interni ed esterni per le diverse attività del tempo libero, un lungo e grazioso porticato vista mare, vi farà godere appieno del meraviglioso panorama; un accesso diretto alla spiaggia, senza attraverso stradale, tramite comoda passerella dilegno.

Le migliori sistemazioni di camera saranno riservate alle prime iscrizioni. È possibile richiedere la sistemazione preferita per compagni di stanza.

Tutto questo ben di Dio avrà ben un costo...ecco tutte le info al riguardo...

REGOLAMENTO QUOTE DI ISCRIZIONE

Quote iscrizione: € 100.00
Ogni corso di Strumento* € 350.00 Omni comprensivo residenziale € 720.00

Corso Complementare di Marcella Carboni 26/27 luglio 200.00 per gli iscritti al festival ad un primo corso € 230.00 per gli esterni escluso vitto e alloggio*

In seguito all’invio della quota di iscrizione, la quota di frequenza ai corsi che comprende sette giorni di lezione più la pensione completa dovrà essere pagata entro il 30 giugno nelle seguenti modalità:

per coloro che chiedono la pensione completa:

1) euro 100 entro il 30 gennaio; euro 250 entro 30 marzo; euro 370 entro il 30 giugno 2021.

2) euro 100 entro il 30 gennaio; la rimanenza entro il 30 maggio.

per coloro che chiedono solo la frequenza al corso:

1)  euro 100 entro il 30 gennaio; euro 250 entro 30 marzo; entro il 30 giugno 2021.

2)  euro 100 entro il 30 gennaio; la rimanenza entro il 30 maggio.

per coloro che risiedono in Sardegna

1)  euro 50 entro il 30 gennaio; euro 300 entro 30 marzo; euro 370 entro il 30 giugno 2021.

2)  euro 50 entro il 30 gennaio; la rimanenza entro il 30 maggio.

solo la frequenza al corso

1)  euro 50 entro il 30 gennaio; euro 300 entro 30 marzo; euro 370 entro il 30 giugno 2021.

2)  euro 50 entro il 30 gennaio; la rimanenza entro il 30 maggio

Eventuali familiari degli iscritti, che volessero beneficiare della partecipazione al Festival Arpademia potranno soggiornare a pensione completa per i sette giorni al costo ridotto di 450 euro. Costoro dovranno versare all’atto dell’iscrizione € 50.00 pro capite. Normalmente la pensione completa si aggira sui 65 euro giornalieri in alta stagione. Oltre all’uso delle strutture già descritte avranno il diritto di ingresso gratuito ai concerti.

VIAGGIO

possibile prenotare attraverso l’Associazione il traghetto GNV o TIRRENIA:
con cabina interna uso quadrupla a € 140 euro andata e ritorno partenza 19/07/2021 ore 19,30 da Genova ritorno martedì 27 luglio ore 19,30.

Su richiesta automobile annessa.

QUANDO INIZIANO LE LEZIONI?

Le lezioni avranno inizio il giorno 20 luglio 2021 e termineranno il 27 luglio 2021. La pensione completa inizierà con cena del 20 luglio e termina con il pranzo del 27 luglio. Ad ogni pasto è compresa l’acqua minerale. Richieste per esigenze di dieta dovranno essere comunicate in anticipo. Eventuali richieste di “extra” (vino, etc.) sono pagabili direttamente alla Casa Stella Maris. Le camere sono disponibili dalla serata del 20 luglio 2021 entro le ore 20 e dovranno essere liberate entro le ore 10 del 27 luglio 2021. Chi desiderasse prenotare il pranzo del giorno 20 (non compreso) potrà contattare direttamente la Casa Stella Maris.

Il programma del Festival Arpademia comprende anche corsi complementari che, a richiesta dei partecipanti sono aperti come “secondi corsi”.

QUALI SONO LE MODALITA' DI ISCRIZIONE AI CORSI?


I corsi di Formazione e di Perfezionamento Musicale del Festival Arpademia organizzati dall’Università Popolare dell’Alto Monferrato sono aperti a cittadini di ogni nazionalità, studenti o diplomati di Conservatori, Accademie o Scuole Musicali. E’ indispensabile COMPILARE LA SCHEDA DI ISCRIZIONE per garantire la disponibilità del posto, inviandola per mail a harpsfestival@gmail.com entro il 30 gennaio 2021 allegando la ricevuta di versamento, o assegno circolare sul conto corrente dell’associazione  Università Popolare dell’Alto Monferrato.

Banca: 05034 - BANCO BPM S.P.A. IBAN: IT56S0503447940000000008434

Riportando chiaramente nella causale: 4 FESTIVAL ARPADEMIA
NOME DEL PARTECIPANTE
CORSO E DOCENTE RICHIESTO 

SCHEDA ISCRIZIONE

Nome:____________________________________________________ 

Cognome: _________________________________________________ 

Data e luogo di nascita: ______________________________________ 

Indirizzo: ________________________________CAP ______________ 

Comune __________________ Recapito telefonico:_______________ 

email@ : _________________________________________________ 

Corso: ___________________________________________________ 

Docente: _________________________________________________ 

Eventuale secondo corso ____________________________________ 

Prevista data di arrivo ___________________________________ 

In auto ________________ in treno ________________

in bus ___________ in nave* € 140,00 andata e ritorno.

* a tale proposito verso € 140 euro per ticket con Grandi Navi Veloci o TIRRENIA che mi verrà rimborsata secondo le modalità della compagnia all’atto della rinuncia. Inviare a parte dati per eventuali famigliari o auto al seguito.

Con la presente mi iscrivo al 4 Festival Arpademia e invio € 100,00 quale tassa di iscrizione a mezzo bonifico bancario in data _________.

Letto, approvato Bando Festival Arpademia2021:

Firma ___________________________________________________ (genitori o chi ne fa le veci per i minorenni)


Le seguenti persone (familiari o amici) richiedono di partecipare al 4° Festival Arpademia:

Sig

____________________________________________________ ____________________________________________________ ___________________________________________________ ____________________________________________________ ____________________________________________________ ___________________________________________________

tel ____________________________

sistemazione richiesta ____________________________________________________ ____________________________________________________

Letto, approvato Bando Festival Arpademia2021:

Firma ___________________________________________________ 

(genitori o chi ne fa le veci per i minorenni) 

Sono stato abbastanza esaustivo?

In caso contrario potrete contattare i responsabili ai seguenti indirizzi...

Per ogni informazione:

• Visitando la nostra pagina Facebook
• harpsfestival@gmail.com
• cell 338 4742613 oppure 334 9926 741 

Inutile dirvi che spero di vedervi numerose/i ai miei corsi...vi garantisco che sarà una settimana spettacolare...

martedì 1 dicembre 2020

01/12/2020...Martedì sera... IELUI...è PER SEMPRE!

 Buona sera...

Per prima scolta la PLAYLIST di IELUI

Sei anni fa, come fosse questa sera, andava in scena, in replica, la seconda edizione di IELUI, la mia opera Rock rappresentata per la prima volta nei giorni 24 e 25 novembre 2004 ad Acqui Terme in un teatro Ariston gremito sino all'ultimo ordine di posti...

Dieci anni dopo, con lo stesso entusiasmo, eccoci di nuovo alle prese con "Lui" e "Lei", i due protagonisti futuristi e futuribili, attori di un amore talmente grande da superare indenne l'inesorabile passaggio del tempo che, per un drammatico scherzo del destino, correva da una parte e dall'altra del calendario, avverso e imperturbabile nei confronti delle sofferenze di due anime tanto pure quanto diverse.

Nell'edizione 2014, andata in scena il 30 novembre e il primo dicembre al Palacongressi di Acqui Terme, c'erano quasi tutti gli storici interpreti della prima edizione e molti altri si erano aggiunti e avevano allargato le fila di solisti, coro, corpo di ballo e staff.

Ielui ha la sua magia, in grado di stregarti ed entrarti dentro... Tutti noi che l'abbiamo vissuto in prima persona portiamo dentro di noi cicatrici sane di quelle emozioni... Tante ore di prove, paure, lacrime, gioie, enormi soddisfazioni hanno reso quei due periodi (non saprei dire quale sia stato meglio) indissolubili...

In questi ultimi giorni ho letto sui social tante manifestazioni di affetto nei confronti di IELUI...si riferivano indifferentemente alla prima e alla seconda edizione...parlavano d'amore e felicità... Io non posso che ringraziare tutte quelle amiche e quegli amici che hanno camminato con me e la mia Musica per quasi due decenni... Sarò loro grato per sempre...

Mancano quattro anni all'anniversario del ventennale e so che molte/i di loro si stanno già domandando se avrò il coraggio e la sfrontatezza di proporre loro una terza avventura...

Tante cose sono cambiate... Nella prima edizione, nella platea dell'Ariston, c'erano ancora i miei genitori a tifare per noi... Mia mamma era già decisamente trincerata all'interno di un cervello che stava perdendo ricordi giorno dopo giorno (proprio come succede a "Lei" nell'opera...non è un caso questo allontanamento dei pensieri e dei sentimenti della protagoinista)...ma c'era...

Nella seconda edizione, al Palacongressi (perché tra il 2004 e il 2014 l'Ariston fu chiuso per molti anni) c'era solo più mio padre a tener testa alle mie paure e alle mie aspirazioni...

Nella ipotizzabile terza realizzazione non ci sarà neppure lui... Come sarà il 2024? Chi sarò io? Qualcuno dice che saremo ancora in lotta contro il Covid 19...

Non so...la tentazione è tanta... E se lo rifacessi? 

Non c'è il due senza il tre, canta l'antico detto...

Per il momento non ho risposte...ora devo trovare il tempo e la giusta occasione per far volare la mia nuova opera "Sommersi", venuta alla luce in soli due mesi e mezzo (per IELUI avevo lavorato quattro anni e uno l'avevo impiegato per metterlo in scena) per raccontare le emozioni appena vissute sulla mia pelle (e su quella di milioni di anime) a causa della pandemia...

Ora, a rileggere "Sommersi", pare già superata dai nuovi eventi...al punto che mi sto immaginando di scrivere un prologo (una sorta di terzo atto, ma iniziale) che introduca la storia partendo da questi giorni, quelli della "ricaduta"...

Come siamo diversi ora, alle porte dell'inverno, rispetto a quei giorni di pre-primavera e primavera, quei giorni della prima ondata...

Ecco...ci sono da risolvere tutti questi quesiti... Se nei prossimi quattro anni tutto andrà a posto...allora...forse...potrei riprendere "Ielui"...se "Sommersi" emergerà dall'anonimato per farsi ascoltare...ecco...allora potrei tornare sulle note di "Ielui"...

Ci credete voi?

...Un giorno...chissà...


Buona serata